Transmedial Noir. Incroci di generi, nazioni, media

18.00 

a cura di Alessandra Calanchi, Tiziano Mancini, Roberto Salvucci
anno 2022
#18 Urbinoir Studi
182 pp.
ISBN 9791280074683

Acquista versione PDF

Compara
CONDIVIDI SU:

Descrizione

Si è spesso discusso sul fatto che il noir sia un genere, uno stile, perfino un registro linguistico. Una cosa, in ogni caso, è certa: si tratta di un fenomeno transmediale che attraversa lo spazio e il tempo, riproponendosi in diversi contesti e sotto nuove forme pur senza abdicare alle sue caratteristiche di base. Il volume esplora questa contaminazione grazie alla curiosità di studiosi e appassionati di noir che hanno approfondito la rete di rimandi, citazioni, cross-over, riscritture che è una caratteristica palese dei generi poliziesco, crime e noir.

Un insieme letterario e cinematografico capace di trasformismi, ibridazioni e adattamenti pur nel mantenimento di un’identità riconoscibile e definita. Come nella migliore tradizione della collana Urbinoir Studi si incontreranno in queste pagine argomenti molto diversi: dalla triplice identità di Salvatore Lombino – alias Ed McBain alias Evan Hunter – alla figura del P.I. per eccellenza Philip Marlowe; da Alfred Hitchcock, quale grande protagonista della cultura partecipativa, al fumetto Julia. Le avventure di una criminologa fino alla storia della transmedialità con un focus su Marvel Noir.

 

Anteprima

 

I CURATORI

Alessandra Calanchi
È professoressa associata di Letteratura e Cultura Angloamericane presso l’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. Nel campo della crime fiction ha scritto numerosi saggi e curato diversi volumi. È socia onoraria dell’Accademia Italiana di Scienze Forensi, per la quale coordina la sezione su “Letteratura criminale”. È membro del comitato scientifico del «Crime Magazine» e dell’European Crime Network. Dirige con alcuni colleghi la collana Urbinoir Studi.

Tiziano Mancini
È responsabile dell’Ufficio Relazioni Pubbliche dell’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo e giornalista pubblicista dal 2012 per «Il Resto del Carlino». Nel 2006 vince il Premio di Satira “Sabina Guzzanti”. Nel 2017, per Aras Edizioni, pubblica Assenze giustificate e altri racconti e cura, con Alessandra Calanchi, il volume Noir come l’inchiosto. True Crime e Fake News sulla pagina e sullo schermo (2019).

Roberto Salvucci
È stato ricercatore confermato di Lingua e Cultura Inglese presso l’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. Negli ultimi anni si è dedicato a un’intensa attività didattica nei corsi di Informazione, media e pubblicità e Sociologia, nonché presso la Casa Circondariale di Fossombrone, dove l’Università di Urbino ha realizzato un Polo Universitario per studenti detenuti.

Ti potrebbe interessare…

Hai tutta la morte davanti

13.00 

Luca Sartori
anno 2021
#10 Stile Rana oversize
158 pp.
ISBN 9791280074294

Quando il testimone è l’assistente vocale (e altri studi). Colonne mute e sonore del noir

20.00 

a cura di Michele Bartolucci, Maria Messina e Giuseppe Puntarello
anno 2021
#17 Urbinoir Studi
266 pp.
ISBN 9791280074317

Acquista versione PDF