Sale!

Il famiglio della strega. Sangue e stregoneria nell’Inghilterra moderna

14.00  11.90 

Francesca Matteoni
anno 2014
150 pp.
ISBN 9788898615179

Acquista versione PDF

 

Esaurito

Compara
CONDIVIDI SU:

IL LIBRO

Chi è il famiglio della strega? Gatto, rospo, cane – oppure creatura grottesca, spirito demoniaco che stabilisce, attraverso il sangue, una relazione fisica con l’individuo. Questo libro si propone di guardare ai materiali dei processi per stregoneria dell’Inghilterra moderna, concentrandosi proprio sul ruolo del sangue nell’unicità della tradizione riguardo il famiglio e nel riconfigurare il corpo paradigmatico della strega – guastatrice, antimadre, a sua volta vittima dei complotti diabolici come dei rancori e dei terrori diffusi all’interno della comunità. Confrontando le idee consolidate dal dibattito religioso con le teorie popolari, le nozioni mediche con quelle magiche intorno a salute e malattia, la sostanza del sangue spicca come nodo conflittuale tra mondo dello spirito e mondo della carne, confine ambiguo tra il socialmente accettabile e la spaventosa alterità, per cui anche un piccolo animale domestico può mutarsi in una minaccia ultraterrena: forma tangibile del sospetto e della radicale fragilità umana.

Indice

L'AUTRICE

Francesca Matteoni – Pistoia, 1975. Ha conseguito il dottorato in Storia Moderna presso l’Università dell’Hertfordshire in Inghilterra, dove ha poi svolto attività di ricerca in storia e folklore della medicina, per un progetto finanziato dal Wellcome Trust. Si occupa principalmente di storia dei processi per stregoneria, folklore del soprannaturale, credenze relative al sangue e tradizioni riguardanti gli animali. Ha all’attivo varie pubblicazioni di poesia, mentre suoi scritti saggistico-narrativi sono apparsi su riviste cartacee e online. Gestisce uno spazio in rete dedicato alla fiaba: fiabesca.blogspot.com.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.