Donne in noir. Le protagoniste della crime fiction contro la violenza e la discriminazione

20.00 

a cura di Alessandra Calanchi e Maria Messina
anno 2023
#19 Urbinoir Studi
288 pp.
ISBN 9791280074881

Acquista versione PDF

Compara
CONDIVIDI SU:

Descrizione

il libro

Questo volume raccoglie contributi il cui contenuto si focalizza sulle figure femminili nel noir. Autrici, personag- gi, vittime e offender vengono qui indagate attraverso la lente della costruzione-decostruzione del ge- nere, la manipolazione e i linguaggi della violenza fisica e psicologica, il femminicidio.

Il gruppo Urbinoir vuole interrogarsi sulla responsabilità delle studiose e degli studiosi di crime fiction nel dibattito in corso sui femminili profes- sionali, sul linguaggio del corpo, sul «politicamente corretto». Vittime e assassine, poliziotte e dark ladies, le nostre «donne in noir» ci rivelano un territorio sconfinato fatto di realtà ro- manzesche e finzioni fin troppo reali.

le curatrici

Alessandra Calanchi
È professoressa associata di Lettera- tura e Cultura Angloamericane pres- so l’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. Nel campo della crime fiction ha scritto numerosi saggi e curato diversi volumi. È socia onoraria dell’Accademia Italiana di Scienze Forensi, per la quale coordina la sezione su “Letteratura criminale”. È membro del comitato scientifico del «Crime Magazine» e dell’European Crime Network. Dirige con alcuni colleghi la collana Urbinoir Studi.

Maria Messina
È cultrice della materia di Diritto Pri- vato presso l’Università degli Studi di Urbino, membro del Centro Interdisciplinare di Ricerche e Studi sulle Famiglie, Infanzia e Adolescenza e svolge attività di relatrice in seminari e convegni. Ha pubblicato articoli di ricerca su siti specializzati e riviste accademiche, tra cui “Fondi strutturali, l’Ue contro le frodi”, “La legge italiana sulle unioni civili. Riconoscimenti e rischio discriminazioni” ed è co-curatrice del volume Urbino Press Award. Dodici anni di giornalismo americano (2006-2017).

Vittima. Un termine che credo la maggior parte delle vittime non amino usare per definirsi. Il motivo? A nessuno/a piace sentirsi in balìa del destino, e meno ancora di una persona violenta. Ognuno/a di noi vorrebbe avere il controllo della propria vita: delle proprie scelte, delle proprie emozioni, degli eventi. Essere vittime significa essere visti/e in modo diverso dagli altri, significa mostrare al mondo la propria debolezza e, nel peggiore dei casi, sentirsi responsabili di quanto accaduto. Tuttavia, è necessario riconoscersi come vittime, poiché senza vittima non c’è un carnefice, un molestatore, uno stupratore o un assassino. Ci si deve rendere conto di aver subito una violenza ingiusta – psicologica, verbale, sessuale – e poi decidere di non soccombervi, ma di andare avanti.

dal contributo di Simonetta Badioli,
Giustiziere”: sostantivo femminile plurale

Ti potrebbe interessare…

Sale!

L’impegno politico e intellettuale delle donne nel Novecento

20.00  19.00 

A cura di Lidia Pupilli ed Emanuela Sansoni
anno 2014
#2 I volti di Clio
194 pp.
ISBN 9788898615193

Pagina Facebook

Acquista versione PDF

Il volto delle sirene. Storia della figura femminile nella pubblicità italiana. Nuova edizione

18.00 

Paola Costanza Papakristo
anno 2018
#2 Le noci
192 pp.
ISBN 9788899913502

Acquista versione PDF