MetaCultura. Carta, algoritmi, libertà

12.00 

Piero Dorfles, Giovanni Boccia Artieri
anno 2022
#4 #fgcult – informazione culturale
92 pp.
ISBN 9791280074614

Acquista versione pdf

Compara
CONDIVIDI SU:

Descrizione

La rete ha da sempre rappresentato una scommessa di democratizzazione e liberalizzazione del sapere. Al contrario, le piattaforme come Facebook, Google, Amazon, hanno saturato l’intero orizzonte socio-tecnico del web producendo una cultura sempre più a loro somiglianza, diventando i nuovi «custodi di internet». Le persone hanno finito per muoversi in questo ambiente regolato da logiche algoritmiche rinchiudendo l’umanità in bolle conoscitive.

Dorfles e Boccia Artieri affrontano il tema da due prospettive diverse, da un lato evidenziando la necessità di un patrimonio culturale che non passi attraverso il web, per non esserne usati; dall’altro ponendo l’accento sull’esigenza di riappropriarci di Internet per tornare liberi nella rete.

Il saggio è il quarto numero della nuova collana #fgcult – informazione culturale dedicata a comunicazione e cultura, la cui peculiarità è quella di porsi come strumento d’indagine integrativo e complementare al Festival del giornalismo culturale.

 

Prefazione di Lella Mazzoli

GLI AUTORI

Giovanni Boccia Artieri
È professore ordinario presso l’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo dove insegna Sociologia dei media digitali e Internet Studies e Comunicazione pubblicitaria e linguaggi mediali.

Piero Dorfles
È giornalista e critico letterario, noto al grande pubblico per la trasmissione televisiva in onda su Rai Tre “Per un pugno di libri”. Ha pubblicato diversi libri dedicati al mondo della comunicazione televisiva e radiofonica.