Piero Gobetti e la Riforma in Italia. Atti del Convegno in onore di Alberto Cabella. Torino, 9 giugno 2017

13.00 

A cura di Marta Vicari
anno 2018
#6 Collana La Gobettiana
288 pp.
ISBN 9788899913618

Pagina Facebook

Acquista versione PDF

 

Compara
CONDIVIDI SU:

IL LIBRO

Il 9 giugno 2017 si è tenuto il convegno di studi sul tema Piero Gobetti e la Riforma in Italia, dedicato ad Alberto Cabella, vicepresidente del Centro studi Piero Gobetti, studioso del protestantesimo, dell’europeismo e dell’eredità di Gobetti, in occasione della ricorrenza del terzo anno dalla sua scomparsa. Il convegno fu organizzato e promosso dal Centro Gobetti, con il contributo dell’8xMille della Chiesa Valdese, presso il Polo del ‘900 a Torinoe si inserì nel vasto programma predisposto per i 90 anni dalla morte di Piero Gobetti.Il volume raccoglie gli importanti contributi del convegno, una raccolta di testimonianze sulla figura di Alberto Cabella e un’appendice con alcuni significativi testi inerentiil tema gobettiano della mancata Riforma in Italia.Contributi di: Pietro Polito, Andrea Panero Geymet, Paolo Bagnoli, Davide Dalmas,Anna Strumia, Laura Ronchi De Michelis, Marta Vicari.

Contributi di: Pietro Polito, Andrea Panero Geymet, Paolo Bagnoli, Davide Dalmas, Anna Strumia, Laura Ronchi De Michelis.

Corredata e impreziosita dalla prefazione di Valdo Spini.

Indice

I CURATORI

Marta Vicari ha conseguito la laurea magistrale in Lettere moderne presso l’Università Statale di Milano con una tesi sul catalogo letterario della Piero Gobetti editore. Attualmente collabora con il Centro studi Piero Gobetti dove si occupa dei rapporti tra Gobetti e i letterati, della casa editrice e della rivista «Il Baretti». Ha pubblicato per «ACME – Annali della Facoltà di Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Milano» il saggio La Piero Gobetti editore: genesi di un progetto.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Piero Gobetti e la Riforma in Italia. Atti del Convegno in onore di Alberto Cabella. Torino, 9 giugno 2017”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.